P.I.I. VIA BOLLA, VIA CASTELLANZA, VIA PARABIAGO – MILANO

PROGETTAZIONE

P.I.I. VIA BOLLA, VIA CASTELLANZA, VIA PARABIAGO

DESCRIZIONE

L’obiettivo generale del P.I.I. è quello di apportare un effettivo miglioramento su un’area periferica racchiusa tra le vie Bolla, Parabiago e Castellanza, nel Quartiere Gallaratese che, allo stato attuale, risulta versare in uno stato di semi abbandono e di degrado, determinato dalla continua dismissione degli insediamenti industriali.

In un simile contesto, allo scopo di garantire il buon esito dell’intervento di recupero dell’area, concorrono sia la realizzazione di un complesso residenziale di qualità, sia la dotazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria a scomputo oneri tali da consentire il completo sfruttamento delle opportunità offerte da un progetto architettonico così concepito.

Gli interventi sulla viabilità previsti in progetto trattano la riqualificazione e la rettifica dei tratti stradali di via Bolla, via Parabiago, via Castellanza e via Appennini, lungo i quali sarà possibile poter fruire di maggiori aree destinate alla sosta ed adibite a verde, con l’inserimento di alberature; inoltre, la realizzazione di una nuova zona adibita a parcheggio antistante il parco di progetto, in via Bolla e la realizzazione di nuova rotatoria posta all’intersezione tra via Castellanza e via Appennini. Risultano coinvolte dall’intervento tutte le reti di sottoservizi presenti attualmente nella zona individuata sulle quali sono previsti una serie di interventi di adeguamento e potenziamento fra i quali la realizzazione di una nuova polifora per impianti di energia elettrica e telecomunicazione.

La sistemazione a verde pubblico ha interessato un’area di circa 11.500 mq, in precedenza industriale, ed un’area di circa 3.000 mq, già di proprietà comunale, separate dalla via Bolla.

Nel parco gli spazi sono stati organizzati alternando zone a verde ad altre con funzioni specialistiche: aree di sosta tranquille, aree attrezzate per i bambini, aree per il gioco libero, area cani; i collegamenti tra le varie zone avvengono tramite una rete di percorsi pedonali e ciclabili che si snodano attraverso tutta l’area creando unitarietà tra i due parchi. Particolare attenzione è stata posta, oltre che nella mirata scelta del materiale di arredo vegetale, nella creazione di elementi architettonici particolari e caratterizzanti: delle sculture – gioco a forma di tre porcellini poste nell’area gioco centrale, altre sculture accattivanti lungo gli accessi ai percorsi, un muretto – seduta rosso che corre lungo tutto il percorso pedonale come un nastro continuo.

Tutte le scelte progettuali hanno avuto come fine la realizzazione di una struttura a verde in grado di soddisfare le esigenze più comuni dell’utenza, ma dotata anche di un elevato grado di identificazione in cui gli abitanti del quartiere possano riconoscersi e verso cui possano fare facile riferimento.

L’edificio presenta una forma a L, con i due bracci costituiti da due stecche di uguale profondità (12.40 m) e di lunghezza differente, rispettivamente 48 m e 71 m sul perimetro esterno. L’edificio in progetto si sviluppa su 14 piani fuori terra destinati a residenza, più un piano di sottotetti sul piano copertura. L’altezza del fabbricato dal piano della strada è di 48.30 m, pari al valore massimo previsto dalle norme tecniche di attuazione.

DETTAGLI

Luogo: Milano
Anno: 2004 – in corso
Tipo:
Committenza: Privata
Entità: 
Importo: